10 consigli utili per gestire un e-commerce

Internet e il commercio elettrico offrono importanti opportunità al giorno d’oggi, sia per le aziende che vogliono vendere online sia per gli imprenditori che desiderano aprire un nuovo business digitale. Tuttavia, prima di creare un negozio online è importante sapere come gestire un e-commerce, per realizzare un web shop efficiente e di successo, evitando di commettere sbagli.

In questo articolo proponiamo 10 best practice per la gestione di un e-commerce, con una serie di consigli utili per rendere uno store online performante e vincente. Inoltre, vedremo come aumentare le vendite e ottimizzare il tasso di conversione, con gli errori da non fare nella gestione di un e-commerce per non penalizzare il proprio business online e offrire una customer experience ottimale.

Cos’è un e-commerce e come funziona

Per sapere cosa significa gestire un e-commerce bisogna innanzitutto comprendere cos’è esattamente uno store online. Si tratta in particolare di un sito web la cui funzione è vendere dei prodotti su internet, un negozio in versione digitale in cui i clienti possono scegliere gli articoli, pagare online e ricevere i prodotti a casa o dove sono più comodi. 

L’e-commerce è creato in genere con un CMS specifico, una piattaforma da personalizzare attraverso moduli e plugin per la realizzazione del portale web, dalle pagine dei prodotti al processo di checkout per la finalizzazione dell’ordine. I CMS più usati sono WooCommerce, PrestaShop, Magento e Shopify, ad ogni modo esistono altre piattaforme che agevolano la costruzione del web shop

Dopo la creazione dello store digitale, chi gestisce un sito e-commerce è direttamente l’imprenditore oppure un e-commerce manager, un professionista specializzato che si occupa di coordinare e monitorare tutte le attività legate al funzionamento del negozio online. Ovviamente non basta realizzare uno shop digitale moderno ed esteticamente accattivante, ma è fondamentale una corretta gestione dell’e-commerce per ottenere dei risultati concreti

1. Rispettare le leggi che regolano il commercio elettrico

L’attività di e-commerce management deve innanzitutto garantire il rispetto delle norme di legge, per evitare sanzioni e contenziosi legali che possono causare danni economici e d’immagine. Il portale deve essere in regola con tutti i requisiti legali, come il GDPR e le norme sulla privacy per il corretto trattamento dei dati personali, fino alle disposizioni italiane stabilite attraverso il D.Lgs. 70/2003 in attuazione della Direttiva europea 2000/31 (informazioni sui prodotti venduti, i sistemi di pagamento, le spese di consegna, le modalità di recesso).

2. Realizzare analisi di mercato accurate

Per gestire un e-commerce in modo consapevole è necessario avere una strategia di marketing. Il piano di business deve essere basato su informazioni attendibili sul settore di riferimento, i concorrenti e i clienti potenziali, sfruttando i big data online per indagare il mercato in modo approfondito.

Per analisi di mercato professionali è importante rivolgersi a società specializzate; in alternativa si possono usare strumenti come Google Trends ed effettuare ricerche su internet  in mancanza di budget. 

3. Avere un piano di gestione finanziaria

Tra gli errori da non commettere nella gestione di un e-commerce c’è l’assenza di un piano finanziario. Soprattutto all’inizio il negozio online potrebbe non vendere come sperato, perché deve crescere e aumentare la sua visibilità, con i costi che potrebbero superare i guadagni per un periodo più o meno lungo.

Per un business sostenibile è fondamentale pianificare un’adeguata gestione delle risorse, mantenendo il massimo controllo nelle spese e calcolando bene il tempo necessario per rendere profittevole il web shop.

4. Pianificare una strategia di content marketing

Nella gestione di un e-commerce è essenziale il supporto del content marketing, per aumentare il traffico organico e trovare nuovi clienti potenziali.

I contenuti si possono veicolare tramite un blog integrato nel portale e-commerce oppure attraverso canali esterni collegati allo store online come pagine social e canali YouTube. Il content marketing serve inoltre per profilare gli utenti e assicurarsi di ricevere visite in target con i prodotti venduti.

5. Curare bene le schede prodotto

Le schede prodotto sono dei veri e propri strumenti di vendita; perciò, non basta inserire qualche foto dell’articolo e una breve descrizione. Al contrario, le pagine dei prodotti devono essere curate in ogni dettaglio per stimolare l’acquisto, rimuovendo ogni dubbio e fornendo tutte le informazioni necessarie ai clienti.

Bisogna anche mettere a disposizione delle riprove sociali, utilizzando in maniera strategica le recensioni online e tecniche efficaci che puntino ad esempio alla la scarsità del prodotto (ad esempio con offerte a tempo). 

6. Ottimizzare i filtri per la ricerca dei prodotti

Più è facile per gli utenti trovare i prodotti di cui hanno bisogno, maggiori saranno le probabilità di vendere, ottenendo un tasso di conversione elevato. Per agevolare la vita ai clienti l’e-commerce deve avere una struttura semplice e intuitiva, con un menu chiaro e sottocategorie che aiutano a individuare gli articoli del catalogo. Inoltre, è necessario implementare dei filtri di ricerca ben configurati, consentendo a chiunque di visualizzare rapidamente i prodotti che stanno cercando.

7. Ottimizzare la logistica dell’e-commerce

Tra le attività di e-commerce management la logistica ricopre un ruolo fondamentale per il successo del business online. In questo ambito bisogna affrontare diverse problematiche, come la volatilità dei volumi di vendita, i costi di spedizione, la velocità delle consegne e un corretto coordinamento tra la piattaforma e il servizio di preparazione e invio del prodotto.

Sapere come gestire la logistica di un e-commerce è dunque essenziale, pianificando dei processi semplici da monitorare, avvalendosi di partner affidabili e fornendo un customer care efficiente ai clienti.

8. Integrare un’app per lo shopping mobile

Dal 2020 la maggior parte degli acquisti online avviene da smartphone, come segnalato dall’Osservatorio eCommerce B2C della School of Management del Politecnico di Milano.

Per questo motivo è fondamentale ottimizzare lo store online per il mobile, accertandosi che il portale sia responsive e in grado di fornire una navigazione ottimale dai device mobili. Molto importante è anche avere un’app mobile da affiancare al sito web (ma non necessaria se il sito è ottimamente ottimizzato da mobile), uno strumento in più per migliorare il processo di acquisto da smartphone e fidelizzare i clienti.

9. Semplificare il checkout dell’e-commerce

Il processo di checkout è moltodelicato per un e-commerce, in quanto è durante questo passaggio che i clienti possono rinunciare all’acquisto e abbandonare il carrello con i prodotti selezionati.

Per migliorare il tasso di conversione bisogna semplificare il checkout, usare in maniera strategica le call to action per valorizzare i vantaggi e fornire delle garanzie, come l’assistenza post-vendita e la possibilità di restituire il prodotto. È importante monitorare questi processi con strumenti appositi, per rilevare eventuali errori e correggerli con interventi precisi. 

10. Aggiungere il pagamento dilazionato online

Per una gestione ottimale di un e-commerce è poi indispensabile offrire anche il pagamento dilazionato, mettendo a disposizione dei clienti soluzioni dedicate di Buy Now Pay Later (compra ora e paga dopo). Secondo il report E-commerce in Italia 2021 della Casaleggio Associati, entro il 2024 il mercato globale dei pagamenti dilazioni dovrebbe raddoppiare rispetto al 2020, confermandosi come una tendenza in forte crescita tra le modalità di pagamento per lo shopping online.

Noi di Soisy proponiamo una soluzione moderna, semplice e conveniente per fornire la dilazione di pagamento online ai propri clienti, offrendo un sistema Buy Now Pay Later da 3 rate in su. Si tratta di un processo gestibile 100% online, basta avere un conto corrente per l’accredito delle somme entro 24 ore dall’approvazione della dilazione.

Il servizio consente ai clienti di finanziare importi da 100 euro a 15 mila euro e rimborsarli in un arco temporale da 3 a 36 mesi, mentre per l’e-commerce non sono applicati costi iniziali né commissioni fisse mensili, ma solo commissioni sul transato.

Inoltre è possibile integrare nel carrello e-commerce il widget Soisy, uno strumento utile per ottimizzare il tasso di conversione inserendo sia nella scheda prodotto che nel checkout il prezzo dilazionato, per rendere la percezione del costo dei prodotti più accessibile e aumentare la propensione all’acquisto.È anche possibile usufruire di un supporto completo, con un team commerciale e tecnico sempre a disposizione prima, durante e dopo il go-live.

Immagine copertina: Ekaterina Bolovtsova

Articolo precedente

Articolo successivo

Condividi

Contattaci

supporto@soisy.it

Disclaimer

Con nessuno dei nostri articoli offriamo consulenza finanziaria: i dati e le analisi contenuti negli articoli del blog sono a scopo informativo e non costituiscono la consulenza di un esperto.

Voglio saperne di più

Ciao!

Siamo on line dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30

Scrivici in questi orari, grazie!