Carrelli abbandonati: 5 tecniche per recuperarli

5 tecniche per recuperare i carrelli abbandonati nel tuo e-commerce

Uno dei problemi più frequenti nel commercio elettronico è legato al tasso di abbandono del carrello, infatti il checkout è un momento estremamente delicato, che deve essere gestito in maniera ottimale.

Per migliorare le metriche e aumentare il fatturato esistono diversi metodi, perciò vediamo 5 tecniche per recuperare i carrelli abbandonati, per incrementare le vendite e aumentare il tasso di conversione del tuo e-commerce.

E-mail Marketing Automation

Un metodo per ridurre il numero di utenti che non concludono l’acquisto online nel tuo e-commerce prevede l’adozione di specifiche tecniche di E-mail Marketing Automation.

In questo caso si parte da un concetto di base, ovvero che una persona che seleziona una serie di prodotti nel negozio online, ma non arriva fino in fondo, sicuramente è molto più vicina a comprare rispetto a un altro utente. 

L’interruzione può significare che alcuni aspetti nel processo di vendita non hanno convinto il potenziale cliente, perciò è indispensabile individuare le criticità e offrire delle soluzioni efficaci

La risoluzione del problema dovrà rappresentare l’oggetto dell’email, da inviare in maniera automatica all’utente. Ad esempio, se l’abbandono è legato alle modalità di pagamento disponibili sul tuo e-commerce puoi fornire un’alternativa, mentre se si tratta della consegna potresti proporre la spedizione gratuita.

Display Advertising

Tramite i cookie è possibile tracciare il comportamento di ogni utente, monitorandone la navigazione quando si trova all’interno del tuo e-commerce. In questo modo è possibile sfruttare tali informazioni a proprio vantaggio, per mettere in atto attività di remarketing.

Se una persona abbandona il carrello, puoi usare la tecnica del display advertising per cercare di recuperare la vendita. Basta applicare la targetizzazione così che, una volta uscito dal tuo store, l’utente possa visualizzare i tuoi prodotti correlati nei banner pubblicitari.

Questo metodo non deve essere troppo aggressivo, altrimenti diventa inefficace poiché infastidisce l’utente, quindi devi limitarti ad alcuni annunci, magari proponendo un prezzo più basso o uno sconto sugli articoli visionati in precedenza.

Offri uno sconto, ma non subito

Alcuni store online cercano di recuperare gli utenti con l’offerta di uno sconto, tuttavia è importante non farlo subito, altrimenti diventerebbe una prassi obbligatoria per ogni cliente.

La riduzione del prezzo deve essere proposta dopo un po’ di tempo, cercando prima di tutto di capire perché la persona non ha concluso l’acquisto, infatti se la causa non è legata al costo non ha molto senso fornire uno sconto.

Risolvi tutti i dubbi dell’utente

Per recuperare i carrelli abbandonati è essenziale risolvere tutti i dubbi dell’utente, ottimizzando ogni fase del processo di acquisto. Per farlo hai bisogno di informazioni accurate, perciò devi necessariamente gestire una comunicazione diretta con ogni cliente.

Ad esempio, puoi creare un sondaggio e inviarlo in modo automatico a tutte le persone che rinunciano all’acquisto, chiedendo il motivo dell’interruzione, oppure realizzare delle ricerche di mercato per studiare le motivazioni del tasso di abbandono. 

Nel settore del commercio elettronico è fondamentale avere una base di dati adeguata, con la quale apportare le giuste modifiche e perfezionare il percorso che porta ogni utente a concludere l’acquisto.

Ottimizza il checkout

Molti e-commerce riscontrano problemi nella fase di checkout, dove si concentrano la maggior parte dei casi di abbandono del carrello. In questo caso puoi ottimizzare il procedimento di acquisto, rendendo l’operazione più semplice e rapida.

Ad esempio, puoi ampliare i metodi di pagamento, inserendo altri sistemi oltre a quelli già integrati nel portale. Inoltre puoi migliorare la pagina del checkout, utilizzando le recensioni in modo strategico, oppure valorizzando servizi accessori come la consegna gratuita o l’uso di protocolli di sicurezza avanzati.

Per diminuire il tasso di abbandono del carrello, una soluzione innovativa è inserire il pagamento rateale di Soisy all’interno del checkout, uno strumento comodo e veloce per consentire agli utenti di pagare gli acquisti nel tuo negozio online a rate (tu invece riceverai subito l’intera somma!).

Richiedi maggiori informazioni per integrare Soisy nel tuo e-commerce attraverso questo form di contatto: verrai ricontattato quanto prima dal nostro team commerciale 💪

Immagini: copertina

Articolo precedente

Articolo successivo

Condividi

Contattaci

supporto@soisy.it

+39 02 8295 6494

Disclaimer

Con nessuno dei nostri articoli offriamo consulenza finanziaria: i dati e le analisi contenuti negli articoli del blog sono a scopo informativo e non costituiscono la consulenza di un esperto.

Voglio saperne di più